DAL BLOG

COME SUPERARE LA SINDROME DELL’IMPOSTORE

DISTURBI D' ANSIA - 16/04/2022

“Più è grande il tuo potenziale, più sarà grande la tua insicurezza”

La sindrome dell’impostore, abbiamo visto, può portare il soggetto ad avere difficoltà psicologiche in vari campi della vita, da quello lavorativo a quello familiare.

Rivolgersi a uno psicoterapeuta permette, attraverso un’attenta valutazione psicologica, di diventare consapevoli dei propri meccanismi di funzionamento e dei propri pensieri disfunzionali (es. “ho preso quel voto all’esame perché sono stato fortunato”) che mantengono viva tale problematica.

Attraverso la psicoterapia, inoltre, si metteranno alla prova i sentimenti di inadeguatezza e vergogna, arrivando ad allontanarsi dalla necessità di dipendere dal giudizio positivo degli altri, lavorando quindi sull’acquisizione di fiducia in sé stessi

Gli obiettivi da raggiungere e i benefici di una psicoterapia per chi sente di avere la Sindrome dell’Impostore sono:

  • ridurre il bisogno di validazioni esterne per la propria autostima;
  • sviluppare un’autostima;
  • fare in modo che non sia più necessario “indossare una maschera“;
  • vivere secondo le proprie esigenze e secondo i propri bisogni profondi;
  •  imparare a ritenersi responsabili dei propri successi;
  • ristrutturare le credenze negative rispetto alla propria intelligenza.


Ecco alcuni consigli:

-impara a riconoscere la voce interna svalutante (“Sono giù di morale: in questo momento mi viene da pensare che chiunque al posto mio avrebbe fatto di meglio“)quando si presenta un pensiero “da sindrome”. Tutti hanno pregi e difetti, punti di forza e di fragilità.

-pensare “ho sbagliato” è diverso dal dire a se stesso “sono sbagliato“. Se hai sbagliato puoi riparare. Attenzione alle parole che utilizziamo quando ci rivolgiamo a noi stessi!

-apriti agli altri: scoprirai che anche l’interlocutore ha delle insicurezze. È un fatto molto umano, con cui dobbiamo convivere;

-pensa che il mondo non è diviso in due: i capaci e gli incapaci. Siamo tutti un ottimo e colorito mix tra pregi e difetti, forza e fragilità. L’imperfezione è un fenomeno naturale e umano;

-la vita non può essere un continuo successo: ci sono gioie e dolori, successi e fallimenti che si alternano in una trama complessa e, in fondo, affascinante: questo va accettato. Dalle crisi nascono le opportunità, gli eventuali errori servono per imparare. Difficilmente si impara qualcosa senza prima sbagliare;

-prova a rispondere semplicemente “grazie” ad un complimento, evitando di sminuirti o svalutarti. E prova a vedere l’effetto che fa;

-elencare le proprie tappe, i propri traguardi. Vedere nero su bianco tutti gli sforzi, i passaggi, gli step che si sono susseguiti, renderà più difficile negare di averli raggiunti.





Il mio Blog

Alcuni consigli e articoli che possono esserti utili

Dicono di me

Hai bisogno di un aiuto per vivere a pieno la tua vita?